Cattedra di accoglienza del Collège de France all’Università di Trento

EVENTO RINVIATO

18 e 19 aprile 2018
Versione stampabile

Per causa di forza maggiore (sciopero dei treni ed aerei in tutta la Francia), il prof. Antoine Compagnon non potrà presenziare alle conferenze.
Stante il prestigio accademico del relatore, le conferenze verranno rinviate a data da definirsi, che verrà diffusamente comunicata
.

Due conferenze presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’ Università di Trento

  • Antoine Compagnon, titolare della cattedra di «Letteratura francese moderna e contemporanea: storia, critica, teoria» presso il Collège de France

Mercoledì 18 aprile

Ore 16.00
Palazzo Paolo Prodi, via Tommaso Gar, 14 - aula 004

  •  “Y a-t-il encore des antimodernes?”

Nel 2005, quando Antoine Compagnon ha intitolato un suo libro Les Antimodernes (Gli Antimoderni), il termine era raro in francese, e risultava praticamente assente a partire dalla condanna dell'eresia modernista da parte di Papa Pio X un secolo prima. 
Da allora questo termine è stato ampiamente utilizzato per designare una corrente letteraria o estetica e soprattutto una congerie ideologica o politica, non senza aver dato luogo però ad ambiguità o incomprensioni.
Per tale motivo Antoine Compagnon ritiene opportuno tornare a riflettere sul significato che aveva dato a questo termine e sull'evoluzione del suo uso.

Giovedì 19 aprile

Ore 10.00
Palazzo Paolo Prodi, via Tommaso Gar, 14 - aula 001

  •  “Roland Barthes et la commande”

Roland Barthes si lamentava spesso di essere sopraffatto da continue richieste.
Gli venivano inviati molti testi da leggere e vari sconosciuti gli scrivevano o lo chiamavano per sollecitare appuntamenti, articoli, interviste, consigli o raccomandazioni.
Lavorava sotto «il peso della "Gestione"», come lui stesso aveva confessato negli ultimi corsi al Collège de France (1979-1980). 
Tuttavia lo stimolo della domanda gli era necessario e fecondo, tanto da esserne quasi dipendente.
Non poteva vivere né lavorare senza questo pungolo, senza lo slancio dato dalle scadenze da rispettare, senza lo sprone dei ritardi accumulati.

Antoine Compagnon: critico letterario e scrittore, ha insegnato alla Sorbona e da molti anni è professore alla Columbia University di New York.
Dal 2006 è professore al Collège de France, dove ricopre la cattedra di «Letteratura francese moderna e contemporanea: storia, critica, teoria».
Tra le sue pubblicazioni tradotte in italiano, ricordiamo “Proust tra due secoli” (Einaudi, 1992), “I cinque paradossi della modernità” (Il Mulino, 1993),
Il demone della teoria. Letteratura e senso comune” (Einaudi, 2000), “Un'estate con Montaigne” (Adelphi, 2014) e “Gli antimoderni, Da Joseph De Maistre a Roland Barthes” (Neri Pozza, 2017).