Arte Spazio Immagine

L’importanza dell’immagine nella scienza e nell’arte

24 aprile 2017
Versione stampabile

Immagine: Parigi fotografata dall’astronauta ESA Paolo Nespoli (crediti ESA/NASA)

Ora: 10.00

Luogo: Istituto Italiano di Cultura di Parigi - 50, rue de Varenne, Parigi (Francia)

Le immagini, con la parola e la scrittura, sono il mezzo fondamentale per comunicare ma si avvalgono di un codice che solo in parte ha valore universale; tale codice, infatti, è basato anche su convenzioni determinate dalle circostanze e dalle caratteristiche ambientali del contesto cui sono riferite.
L’eccezionalità implicita nelle nuove comunicazioni dallo spazio e nello spazio potrebbe presentare perciò problemi inediti ma anche occasioni inaspettate, non solo nella tecnica di realizzazione e trasmissione delle immagini ma anche per il diverso modo di concepirle e interpretarle; sia da parte di chi le invia che di chi le riceve. Trasmettere immagini vuol dire infatti mandare informazioni ma anche scambiare idee e pensieri, non escluse perciò le emozioni e le espressioni d’arte: con il relativo immenso ampliamento di orizzonti e di potenzialità comunicative che le innovazioni tecnologiche consentono.

Di questo si discuterà a Parigi nell’incontro del prossimo 24 aprile presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura.

L’evento parte da una riflessione sul ruolo della rappresentazione e del disegno, della grafica e dell’immagine nell’arte e nella scienza, per arrivare alla comunicazione tramite i social network e affrontare il tema dell’opera d’arte collettiva.

Al centro dell’incontro la presentazione della APP SPAC3, l’applicazione collegata alla missione spaziale VITA con l’astronauta italiano Paolo Nespoli.

Saranno presenti, tra gli altri, il maestro Michelangelo Pistoletto, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston e il capo di Gabinetto dell’European Spatial Agency Elena Grifoni Winters.

Con l’occasione verranno presentati il progetto XYdigitale, varato due anni fa dal Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Meccanica dell’Università degli studi di Trento (www.unitn.it/evento/xydigitale) e sviluppato nel pieno rispetto della policy di Ateneo in materia di accesso aperto ai risultati della ricerca, nonché la rivista XY, pubblicata in versione digitale sulla piattaforma OJS dell’Università degli studi di Trento. XY si propone come strumento di lavoro idoneo e luogo di proficue collaborazioni nel campo di progetti, anche editoriali, che coinvolgono la cultura visuale. L’obiettivo della partecipazione all’evento parigino è quello di far convergere i diversi saperi chiamati in causa nelle questioni riguardanti lo spazio extraterrestre (vale a dire la tecnologia, l’astronomia, l’informatica, l’illustrazione scientifica e artistica e, ovviamente, la matematica e la scienza della rappresentazione) per capire in quali modi ciascuno di essi e tutti insieme contribuiscono ad ampliare la portata culturale delle immagini.

Sono previsti gli interventi di:

  • ESA European Space Agency
  • ASI Agenzia Spaziale Italiana
  • Rivista XY Rassegna critica di studi sulla rappresentazione dell’architettura e l’uso dell’immagine nella scienza e nell’arte
  • il maestro Michelangelo Pistoletto
  • Città dell’Arte Fondazione Pistoletto
Organizzazione

Evento organizzato e curato da Alessia Bennani, corrispondente del progetto XYdigitale

Patrocini

Evento realizzato sotto gli auspici dell’Ambasciata d’Italia in Francia
Evento patrocinato da:

  • Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori
  • Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia
  • Biennale Spazio Pubblico 2017