Conoscere e anticipare il rischio alluvionale

Corso di formazione professionale

7 e 15 febbraio 2018
Versione stampabile

IL CORSO

Il corso di formazione e la conferenza pubblica si inseriscono nel contesto del progetto europeo LIFE FRANCA  volto alla conoscenza e all’anticipazione del rischio alluvionale nelle Alpi.

PERCHE'

Il rischio idrogeologico nelle Alpi è dovuto sia alle caratteristiche geomorfologiche, idrografiche e climatiche del territorio, sia al forte incremento delle aree urbanizzate, avvenuto di frequente in assenza di un’adeguata pianificazione territoriale. Nonostante questo la consapevolezza e la conoscenza dei rischi nella popolazione è scarsa e la corretta comunicazione dei fenomeni non è sempre ottimale.

OBIETTIVO

L’obiettivo principale del corso è sottolineare l’importanza della conoscenza del rischio idrogeologico per attuare una consapevole politica di gestione ed una corretta informazione alla popolazione.

A CHI E' RIVOLTO

Il corso 
Il corso è rivolto a tecnici, amministratori e giornalisti, per migliorare le competenze nell’affrontare e comunicare i rischi del territorio ai cittadini. La partecipazione al corso è gratuita ma è richiesta l’iscrizione.

La conferenza pubblica
La conferenza pubblica è aperta  a tutti; la partecipazione è gratuita ma è gradita l’iscrizione per motivi organizzativi.

QUANDO

Il corso sarà suddiviso in due giornate: mercoledì 7 e giovedì 15 febbraio 2018.
La conferenza pubblica si svolgerà nel pomeriggio della prima giornata.

DOVE

Università degli Studi di Trento - Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
Via Mesiano, 77 38123 Trento

PROGRAMMA

Mercoledì 7 febbraio 2018

9.00 - 9.15
Luigi Fraccarollo
Università degli studi di Trento - Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
«Presentazione delle due giornate di corso»

9.15 - 9.45
Rocco Scolozzi
Università degli studi di Trento - Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale
«Il progetto europeo LIFE FRANCA»

9.45 - 10.45
Riccardo Rigon
Università degli studi di Trento - Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
«Fenomeni idrogeologici generati dalle piogge (e non)»

10.45 - 11.00
Pausa

11.00 - 12.00
Giorgio Rosatti
Università degli studi di Trento - Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
«La mappatura del pericolo»

12.00 - 13.30
Pausa

Conferenza pubblica

13.30 - 17.00
La conferenza è aperta a tutti

Ugo Grisenti
Sindaco del Comune Baselga di Pinè
«L’evento di colata della Val Molinara 2011: la drammatica esperienza di un sindaco appena eletto»

Giampaolo Pedrotti
Direttore Ufficio Stampa della Provincia autonoma di Trento
«La gestione delle informazioni relative ai rischi»

Andrea Selva
Giornalista di «Trentino»
«Tra «spettacolo» e responabilità, il difficile mestiere del giornalista nel momento della crisi»

Carlo Ancona
Presidente del Tribunale del Riesame
«Conoscenza e responsabilità: il difficile compito del giudice nel caso Stava»

Giovedì 15 febbraio 2018

9.00 - 10.00
Eugenio Caliceti
Università degli studi di Trento – Facoltà di giurisprudenza
«La gestione partecipata del rischio: i procedimenti ambientali e l’accesso alle informazioni ambientali»

10.00 - 10.15
Pausa

10.15 - 12.00
Sperimentare la gestione di un’emergenza
Attività di simulazione realistica di gestione di un’emergenza

12.00 - 13.30
Pausa

13.30 - 14.30
Marta Martinengo
Università degli studi di Trento - Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
«La pianificazione dell’emergenza»

14.30 - 15.30
Antonio Ziantoni
Dirigente Divisione III – Rischio Rilevante e Autorizzazione Integrata Ambientale
Direzione Generale per le Valutazioni e Autorizzazioni Ambientali
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
«Frammentazione giuridico-amministrativa della pianificazione per la gestione del rischio»

15.30 - 15.45
Pausa

15.45 - 16.30
Rocco Scolozzi
Università degli studi di Trento - Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale
«Analisi dell’attività di simulazione»

16.30 - 17.00
Conclusioni

Per info: riccardo.rigon [at] unitn.it