I partecipanti alla Summer School con il professor Caramazza, direttore del progetto. Credits Sabrina Adamoli (CIMeC)

Internazionale

TORNA L’HARVARD SUMMER SCHOOL A TRENTO

Ottava edizione della scuola estiva in neuroscienze promossa dall’ateneo statunitense in collaborazione con il CIMeC

11 luglio 2017
Versione stampabile
di Giorgia Nisi
Comunicatrice pubblica, collabora con il Centro Interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC) dell'Università di Trento.

Partita sabato 10 giugno, durerà fino al 5 agosto l’ottava edizione dell’Harvard Summer Program dedicato alle Scienze della Mente e del Cervello, iniziativa formativa di eccellenza per studenti italiani e stranieri. I corsi, tenuti in lingua inglese, offrono un'opportunità unica per approfondire le neuroscienze presso i laboratori di Mattarello del Centro Interdipartimentale Mente e Cervello dell'Università di Trento.

Il programma estivo è stato avviato nel 2009 dall'Università di Trento congiuntamente alla Harvard Summer School e alla Harvard Mind/Brain/Behavior (MBB) Interfaculty Initiative. Il progetto, nato nel campus americano nel 1993, è rivolto a una comunità interdisciplinare di studenti provenienti da facoltà diverse, che vengono incoraggiati ad impegnarsi in attività sia di ricerca che accademiche, volte a comprendere la struttura, la funzione, l'evoluzione, lo sviluppo, l'invecchiamento e le patologie del cervello nel quadro del comportamento umano, della genetica e della società. La scuola di otto settimane dell’autorevole ateneo statunitense coinvolge quest’anno 22 studentesse e studenti degli Stati Uniti, di cui 20 provenienti dall’Università di Harvard e 2 da Yale, più 4 studenti italiani, di cui 3 dell’Università di Trento, tutti ospitati presso lo studentato di San Bartolameo dell’Opera Universitaria.

I corsi, curati da varie Facoltà di Harvard, dalla Harvard Medical School e dal Goldsmiths University College di Londra, si articolano in lezioni e sessioni di laboratorio, includendo dimostrazioni di alcune metodiche per lo studio del cervello (ad esempio il neuroimaging) e sedute pratiche nei laboratori del CIMeC. Gli studenti hanno così l'opportunità di conoscere la ricerca nell’ambito delle scienze cognitive, partecipando in prima persona agli esperimenti e confrontandosi con i ricercatori, e di scoprire le diverse metodologie per analizzare la mente, il cervello ed il comportamento umano e animale.

“Finestre sulla struttura della mente e del cervello”, curato da Alfonso Caramazza e John A. Assad, e “La magia e la mente” di Gustav Kuhn sono i titoli dei corsi del programma 2017. L’approccio didattico è interattivo: una volta fornite le basi di neuroscienza e conoscenza scientifica necessarie per esplorare argomenti specifici del settore, gli studenti vengono stimolati ad approfondire producendo ragionamenti, domande e rielaborazioni personali, in un permanente dialogo aperto con docenti ed assistenti.

In questi giorni, Gustav Kuhn nel suo corso sta ponendo agli studenti tante domande: “Cos’è la magia? Quale ruolo gioca nella nostra vita quotidiana (ad esempio con le superstizioni)? Puoi fidarti dei tuoi stessi occhi? E dei tuoi ricordi? Come si può influenzare inconsciamente il tuo comportamento? Che cos’è l'ipnosi? Puoi scoprire le menzogne e l'inganno?”. Le illusioni magiche sono, in questo caso, il mezzo per discutere i progressi nella comprensione della mente attraverso la psicologia e la neuroscienza cognitiva. Nell’approfondire alcuni dei segreti della magia, gli studenti hanno modo di comprendere i meccanismi cerebrali. La facilità con cui i maghi ci fanno mettere in luce i limiti della nostra mente li conduce ad esplorare le illusioni psicologiche usate per “ingannare” il pubblico, e le esperienze emozionali uniche che queste illusioni suscitano.

Al mix di lezioni dedicate ai recenti avanzamenti delle neuroscienze cognitive e alle attività seminariali di discussione si affianca un fitto programma culturale e ludico nel fine settimana: i partecipanti hanno, infatti, la possibilità di seguire anche un corso di lingua italiana e di dedicare tutti i venerdì a gite organizzate. Viaggi brevi ed escursioni sono l’ideale per immergersi nella cultura e nella tradizione della nazione ospitante: escursioni sulle Alpi, fine-settimana sul lago di Garda, giornate in città come Verona, Torino, Venezia e Firenze. Nei weekend liberi, studenti e studentesse organizzano autonomamente viaggi supplementari in altre destinazioni (Milano, Roma, la Toscana o le Cinque Terre).

I partecipanti alle passate edizioni sono rimasti entusiasti: "Lezioni interessanti con professori fantastici alla mattina, un delizioso gelato alla sera ed una città italiana diversa ogni fine settimana. Cosa si può chiedere di più? I professori riescono a condividere il loro entusiasmo e la loro passione per la neuroscienza e la psicologia: non possiamo lodare il programma a sufficienza per aver creato un ambiente favorevole all'apprendimento e alla socialità… terremo per sempre cari i nostri ricordi di Trento!”.

I docenti dell’Harvard Summer Program: Alfonso Caramazza (direttore del programma), professore di Psicologia alla Harvard University e visiting professor presso il CIMeC dell’Università di Trento; John A. Assad, professore di Neurobiologia presso la Harvard Medical School; Gustav Kuhn, lettore di Psicologia presso il Goldsmiths University College di Londra.