Il caso DJ Fabo.

Aiuto al suicidio, autodeterminazione e diritti fondamentali

5-6 aprile 2019
Versione stampabile
Convegno internazionale di studi

Luogo: Aula Magna, Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università di Verona, Via Carlo Montanari 9, Verona

L'incontro di studio avrà ad oggetto, in chiave comparatistica ed interdisciplinare, il tema della riforma della disciplina penale dell’agevolazione al suicidio, oggetto dell’ordinanza n. 207-2018 della Corte costituzionale, che ha demandato al Parlamento di decidere entro il prossimo settembre.

Programma:

Venerdì 5 aprile 2019

14:30 Saluti delle Autorità

15:00 I Sessione

Esperienze straniere

  • Modera: Gabriele Fornasari, Università di Trento

Relazioni su:

  • Austria: Margareth Helfer, Università di Innsbruck
  • Canada e Regno Unito: Ilaria Marchi, Università di Trento
  • Francia: Raphaële Parizot, Università di Paris-Nanterre
  • Germania: Konstanze Jarvers, Max-Planck-Institut für Strafrecht, Freiburg
  • Spagna: Gonzalo Quintero Olivares, Università di Tarragona
  • Svizzera: John Noseda, già Procuratore generale del Canton Ticino

Intervento programmato su:

  • Paesi Bassi: Gaetano Bonifacio, Università di Torino

Discussione

19:30 Chiusura della sessione

Sabato 6 aprile 2019

9:00 II Sessione

Quale cammino per il legislatore italiano dopo l'Ordinanza della Corte costituzionale n. 207-2018?

un confronto interdisciplinare

Modera e introduce, previ cenni sul precedente cammino del legislatore italiano, Sergio Vinciguerra, Università di Torino

Relazioni:

  • Pierluigi Baima Bollone, Università di Torino
  • Stefano Canestrari, Università di Bologna
  • Carlo Casonato, Università di Trento
  • Vincenzo Maiello, Università di Napoli Federico II
  • Luciano Orsi, medico, bioeticista
  • Teresa Pasquino, Università di Trento
  • Silvio Riondato, Università di Padova

Discussione

12:30 Relazione di sintesi

  • Lorenzo Picotti, Università di Verona

13:00 Chiusura dei lavori

 

Il Convegno è accreditato dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Verona con riconoscimento di 2 crediti formativi per la partecipazione a ciascuna mezza giornata.

Il Collegio di Giurisprudenza ha altresì disposto il riconoscimento di 1 CFU agli studenti che parteciperanno ad entrambe le mezze giornate e redigeranno relazione scritta da sottoporre a verifica.