Lezioni dalla guerra fredda

Le relazioni Europa – Cina tra aperture commerciali e chiusure ideologiche

14 marzo 2018
Versione stampabile

Ore: 17.00
Luogo: Sala Falconetto Palazzo Geremia, via Belenzani – Trento

Per il Ciclo Orizzonti d’Oriente: una conversazione con Guido Samarani, Università di Venezia Ca’ Foscari

Intervengono: 

  • Giovanni Bernardini, Università di Venezia Ca’ Foscari - Istituto Storico Italo-Germanico-FBK
  • Laura De Giorgi, Università di Venezia Ca’ Foscari
  • Sofia Graziani, Università degli Studi di Trento
  • Coordina Riccardo Scartezzini, Centro Studi Martino Martini

Negli anni Cinquanta e Sessanta, quando la Guerra Fredda divideva il mondo in due blocchi contrapposti e molti Paesi occidentali non avevano rapporti diplomatici con la Cina socialista, un’intensa diplomazia non ufficiale si sviluppò fra diversi Stati europei e Pechino.
Nelle relazioni fra Cina e Italia e Cina e Germania federale, quali furono le modalità di interazione sul piano politico, commerciale e culturale ?
Come sono stati valorizzati i diversi elementi politico-ideologici, economici e storico-culturali, e quale peso hanno avuto nell'influenzare la strategia cinese rispetto all'Europa occidentale?