Estremo Oriente

Tra storia e competizioni nucleari

28 febbraio 2019
Versione stampabile

Luogo: Palazzo Paolo Prodi, Via T. Gar 14 – Aula 3
Ore: 17.00

Per il ciclo Orizzonti d’Oriente, e la serie Culture in Movimento, in collaborazione con l’Associazione culturale Alteritas – Interazione tra i popoli. Sezione Trentino e il Centro per la Cooperazione Internazionale

Gli attuali sviluppi nel settore nucleare in estremo oriente sembrano condurre ad una pericolosa corsa regionale e a diversi scenari nel settore degli armamenti.

Nord Corea, Cina e Giappone perseguono una politica di riarmo che potrebbe suggerire l’avviarsi di un percorso atomico anche da parte di Corea del Sud, Taiwan e potenzialmente di altre nazioni dell'area. Anche se questo non necessariamente dovesse sfociare in una situazione di conflitto con gli USA la prospettiva suscita forti preoccupazioni: esistono infatti evidenti contrasti per il controllo del traffico marittimo e delle isole del mar Cinese Meridionale, un’area e un settore fondamentali per le economie locali. 

Possiamo ritrovare le ragioni di questa competizione nelle storiche inimicizie tra questi Paesi? 

Quanto pesa ancora la mancata assunzione di responsabilità del governo di Tokyo per i crimini di guerra commessi dalle truppe giapponesi prima e durante il secondo conflitto mondiale? 
E quali sono i possibili scenari futuri?

Relatore: 

  • Mirco Elena

Mirco Elena è fisico ricercatore a Trento, divulgatore scientifico e giornalista. 
Ha un'esperienza quasi quarantennale di divulgazione scientifica, sia tramite incontri pubblici sia con articoli su riviste e quotidiani, nonché con programmi radiotelevisivi.
Responsabile della sezione trentina dell’Unione degli scienziati per il disarmo (USPID) e direttore dell'Ufficio di Trento di ISODARCO, lavora attualmente presso il Centro per la Cooperazione internazionale. Organizzatore di eventi culturali e convegni nazionali e internazionali, si occupa di pace e questioni energetiche e da oltre 20 anni si interessa di Cina dove ha trascorso complessivamente oltre un anno. Con l’avvocato Yu Jin è co-autore del libro Cina e Italia allo specchio.