Archeoricette sulla Via della Seta

La storia e l’archeologia del cibo possono riservare …gustose sorprese.

6 agosto 2019
Versione stampabile

Orario: 17.30
Luogo: Biblioteca Comunale, Lavarone

Il Centro Studi Martino Martini, in collaborazione con la Biblioteca Sigmund Freud di Lavarone e Slowfood Cimbro, organizza per il Ciclo Orizzonti d'Oriente, un incontro con:

  • Generoso Urciuoli, Archeologo e Scrittore

Introduce: Roberto Cisini, Centro Studi Martino Martini

Interviene: Rosa Roncador, presidente Alteritas Trentino

L’archeologia del cibo è un ambito in continua evoluzione.
In assenza di fonti scritte le analisi archeometriche ci fanno conoscere l’alimentazione degli Antichi.
Le analisi biochimiche sulle ceramiche ne rivelano il contenuto: dalle sostanze alcoliche, come vino, birra, idromele, ai cibi a base di cereali e latticini, e quelle biomolecolari danno informazioni sui vegetali e gli alimenti ingeriti. Ma il cibo è anche cultura che definisce l’identità dei popoli, di cui segna la quotidianità e spesso le ritualità. Se le materie prime dipendono dalle risorse ambientali, la loro trasformazione come alimento, simbolo o medicina segnano lo sviluppo culturale delle società umane e le loro interazioni, e per secoli le spezie da oriente e da occidente hanno animato i commerci dei mercanti sulla via della seta.
Quante ricette sono ancora parte del nostro quotidiano e quali gustose ri-scoperte ci attendono?

Per informazioni:
Centro Studi Martino Martini
centro.martini [at] unitn.it