Baijiu Experience

Baijiu, il liquore cinese che racconta la Cina

14 maggio 2019
Versione stampabile

Ora: 17:30

Luogo: Palazzo di Sociologia – Via Verdi, 26, (Trento) - Aula Kessler, piano rialzato

Il baijiu è un'acquavite cinese. Il nome letteralmente significa "liquore bianco","alcol bianco" o "spirito bianco" e viene talvolta impropriamente tradotto come "vino" o "vino bianco", ma più precisamente si tratta di un liquore distillato. In genere ha un proof tra gli 80 e i 120, e una gradazione alcolica tra il 40% e il 60%.  Il baijiu  viene distillato principalmente dal sorgo, ma talvolta sono utilizzati anche altri semi: alcune varianti di baijiu prodotte nel sudest della Cina sono fatte con il riso glutinoso, mentre nel nord della Cina viene preferita la preparazione a base di sorgo, frumento, orzo comune, miglio e talvolta con le lacrime di Giobbe. Il  baijiu ha un odore caratteristico e un gusto che è molto apprezzato nella cultura culinaria cinese. I conoscitori della bevanda si focalizzano soprattutto sulla sua fragranza. Tuttavia le numerose recensioni, in genere scritte da non cinesi, commentano negativamente il gusto di questa bevanda, confrontandolo con diluenti per vernici, alcol e gasolio. La gradazione alcolica tipicamente elevata del baijiu è considerata dai cinesi come la ragione di questi pareri.

Relatori:

  • Maria Milford, MRM Consulting
  • Giovanni Goffredo, Istituto Confucio Venezia
  • Luca Barbieri, Moutai Italia