Dove vanno la democrazia e l’Europa? La sfida della politica “anti-sistema”

20 marzo 2019
Versione stampabile

Ore: 18:00

Dove: Aula 001 – Palazzo Paolo Prodi (Dipartimento di Lettere e Filosofia) - via Tommaso Gar,14 - 38122 Trento

I. L’Unione Europea che si avvicina al voto per il Parlamento, fissato a maggio, è un’Europa che è uscita trasformata nel “ dopo 1989”. Ormai abbiamo a che fare con un’idea di Europa e con organizzazione  politica (l’Ue) che sono “politicizzate”. Cosa significa tutto ciò? 
Il quadro degli equilibri polito-partitici nel Parlamento europeo in scadenza. Sondaggi e scenari sugli equilibri del nuovo parlamento: una partita elettorale aperta.

II. Crisi dell’Europa e (è) crisi della democrazia: una crisi sotto la lente di ingrandimento. Quale crisi della democrazia, quale democrazia in crisi. Il populismo: malattia o sintomo? 
La crisi come “rifacimento” della politica contemporanea: mutamento  dei cleaveges: da destra vs. sinistra a politica pro-sistema vs. politica anti-sistema. La domanda del poeta Kavafis: arrivano i barbari o élites che falliscono? Élites vs. massa” dalla società moderna a quella della “post modernità”.

III. Le issues della politica anti-sistema: Europa, migrazioni e immigrazioni, occupazione e riduzione delle diseguaglianze, superamento delle politiche dell’austerità, forme di democrazia diretta.
La democrazia contemporanea si è svuotata di contenuti democratici: è post-democratica. Il populismo-sovranismo rappresenta  una “protesta”, ma anche una “domanda”: una domanda di demos-kratos (fatta di isonomia e di isegoria) che sfida la “democrazia costituita” (o costituzionalizzata) con pressioni di “democrazia costituente” (partecipativa o comunitaria). La politica anti-sistema ripropone ai nostri tempi una dialettica che ha sempre accompagnato la storia della democrazia occidentale. L’incorporazione della domanda è il motore della democrazia.

IV. Governi democratici o “governi misti”?

  • Gaspare Nevola, Professore ordinario, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università degli Studi di Trento

La conferenza, inserita nel programma culturale organizzato a favore degli Allievi del Collegio Bernardo Clesio, è aperta all’intera comunità universitaria e cittadina.

È richiesta la prenotazione online entro il 19 marzo 2019.

Capienza aula: 100 persone.