Un mondo più largo

2 febbraio 2016
Versione stampabile

Ore 18:00
Luogo: Aula Kessler - Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, via Verdi 26, Trento.

  • Prof. Innocenzo Cipolletta, Presidente del Consiglio di amministrazione dell'Ateneo, economista

Come potrà evolvere il mondo con un allargamento delle aree di sviluppo e quale sarà il ruolo dei paesi industrializzati e dell’Italia stessa? 

Una riflessione sull’economia mondiale e i cambiamenti legati alla globalizzazione e all’emersione di nuovi Paesi in via di sviluppo.

Sintesi dell'intervento:

Con la caduta del Muro di Berlino e con la globalizzazione il mondo si è aperto e, progressivamente, molti Paesi che un tempo venivano considerati sottosviluppati sono emersi. Oggi essi rappresentano una parte non trascurabile dell’economia mondiale e partecipano pienamente agli scambi mondiali. Questo evento è stato vissuto dai Paesi sviluppati con un certo timore perché ha comportato molte modifiche per i Paesi di più antica industrializzazione. Molte posizioni acquisite sono state perse, nuove tensioni sono sorte, il progresso tecnologico ha sconvolto molti modelli di produzione e di consumo. Eppure il mondo è cresciuto notevolmente in questi ultimi anni, malgrado le crisi e milioni di persone sono approdati a più alte soglie di consumo.
In questo mondo più largo sono cresciuti i rischi, ma sono aumentate di molto le opportunità. Per i Paesi sviluppati la crescita futura sarà sostenuta dall’immigrazione e dall’innovazione. L’immigrazione compenserà i cali demografici in atto e darà nuove spinte alla domanda interna. L’innovazione aprirà nuovi mercati e porterà a sostituire una gran parte del patrimonio di beni e larga parte delle abitudini di consumo. «Sta a noi – conclude Cipolletta – trasformare questi due fattori in processi di crescita in un mondo più largo perché già oggi coinvolge una parte considerevole della popolazione mondiale e domani tutta la popolazione del globo».

L’incontro, organizzato in favore degli allievi del Collegio di Merito Bernardo Clesio, è aperto all’intera comunità universitaria e cittadina.

Ingresso libero fino a esaurimento posti. Capienza: 110 persone.

È richiesta la prenotazione al seguente link

Informazioni:
collegiodimerito [at] unitn.it
tel. 0461 282128 - 2332

 

Con il sostegno di:

Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto