Chernobyl + 30 e l’energia del futuro

29 aprile 2016
Versione stampabile

Il convegno scientifico, ad impostazione divulgativa, si svolgerà per ricordare, a trent'anni di distanza, cause ed effetti del disastro nucleare di Chernobyl, il primo e finora unico di origine industriale ad aver avuto conseguenze continentali. Verranno presentati contributi anche sulla situazione energetica attuale e le principali tendenze del settore.

L'iniziativa è interessante ed opportuna anche perché molte famiglie trentine hanno ospitato nel corso dei passati decenni bambini provenienti dalle aree bielorusse ed ucraine più colpite dalle radiazioni. Attività umanitarie continuano a tutt'oggi, sebbene anche con strategie diverse dalla semplice accoglienza.

Il convegno sarà anche l'occasione per ricordare la benemerita attività di Ermanno Sant, da poco deceduto, che per anni è stato Presidente dell'Associazione Trentina Aiutiamoli a Vivere.

Programma

dalle ore 9.00 - 13.00  e dalle ore 14.00 - 19.00 presso la Sala Conferenze, Dipartimento di Economia e Management, Università di Trento, via Inama 5/via Rosmini 42

  • Saluto delle Autorità, Considerazioni introduttive

Sessione 1

Per meglio capire ...

 

  • Gustavo Corni, docente di storia contemporanea, Dipartimento di Lettere e Filosofia, Università di Trento

Inquadramento storico: 1986 tra guerra fredda e distensione

  • Franco Torrisi, fisico, Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l'Energia, Provincia Autonoma di Trento

Quale rischio per quale energia?

  • Mirco Elena, fisico, ricercatore, Uspid, Isodarco, FOCC, PAT

Radioattività ed energia nucleare, tra civile e militare

Sessione 2

Il disastro,  i testimoni trentini

 

  • Siro Alzetta, tecnico presso società Piccoli S & C; docente a chiamata alle università di Trento e di Brescia

L’impianto di Chernobyl: tecnologia del disastro

  • Fulvio Gardumi, giornalista, già caposervizio dell'Ansa a Trento

Un giornalista in prima linea al tempo di Chernobyl

  • Ettore Paris, giornalista di QuestoTrentino

Un giornalista in prima linea al tempo di Chernobyl

  • Aldo Valentini, Direttore di fisica sanitaria, Azienda Provinciale Servizi Sanitari, Trento

Un fisico in prima linea al tempo di Chernobyl

  • Giovanni Dalmaso, già funzionario tecnico al reparto chimico del Laboratorio chimico provinciale

Un tecnico in prima linea al tempo di Chernobyl

Sessione 3

Le conseguenze, la solidarietà

 

  • Silvano Piffer, Direttore, Osservatorio epidemiologico, Azienda Provinciale Servizi Sanitari, Trento

Le conseguenze sanitarie di Chernobyl

  • Fabrizio Pacifici, fondatore dell'Associazione Aiutiamoli a vivere, Terni

L'esempio italiano di assistenza ai “Bambini di Chernobyl”

  • Maria Aurora Riccadonna, già nel direttivo dell’associazione trentina Aiutiamoli a vivere

Il Trentino e l'accoglienza dei bambini di Chernobyl

  • Carlo Citterio, veterinario, Istituto sperimentale zooprofilattico delle tre Venezie, Belluno

Chernobyl, gli animali, la fauna

Sessione 4

L'energia ed il futuro

 

  • Giancarlo Sturloni, giornalista scientifico, docente di comunicazione del rischio, Sissa, Trieste

L'atomo diviso: le controversie sul nucleare civile, da Chernobyl a Fukushima

  • Siro Alzetta, tecnico presso società Piccoli S & C; docente a chiamata univ. di TN e BS

Come gestire gli impianti ad alto rischio potenziale

  • Geremia Gios, Direttore Dipartimento di Economia, Università di Trento

Economia delle diverse fonti di energia: la situazione attuale

  • Paola Masotti, docente di Tecnologia dei cicli produttivi (spec.: le fonti energetiche), Univ. di TN

Tendenze attuali e previsioni future per le diverse fonti di energia

  • Paolo Baggio, docente di Ingegneria energetica all'Università di Trento

I reattori nucleari del futuro

  • Maurizio Fauri, Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica, Univ. di Trento

La migliore fonte di energia: l'efficienza

  • Franco Torrisi, fisico, Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l'Energia, Provincia Autonoma di Trento

La politica energetica locale e nazionale