Non per Profitto: La Scienza Aperta e il ruolo dell’Università

25 ottobre 2018
Versione stampabile

L'evento si terrà presso la Sala conferenze del Palazzo di Giurisprudenza, via Verdi 53, Trento

Quando, circa vent’anni fa, sono emerse le prime istanze verso l’Open Access e l’Open Science Internet era ancora uno strumento che prometteva decentramento dei poteri e democrazia. In quel torno di anni si pensava che le istituzioni scientifiche e accademiche che non operano per il profitto dovessero svolgere un ruolo fondamentale nella creazione delle infrastrutture, dei processi e dei contenuti della scienza aperta.

Oggi, la scienza aperta ha fatto sicuramente molti passi in avanti. Esiste un’imponente massa di contenuti scientifici (software, pubblicazioni, dati) disponibili in forma gratuita e con diritti di riuso, cioè accompagnati da licenze aperte come le Creative Commons Licenses.

  • Ma qual è il ruolo dell’università e delle altre istituzioni scientifico-accademiche no profit nel governo e nella gestione della scienza aperta?
  • L’università può ancora rivendicare un ruolo di primo piano nella scienza aperta o si presenta ormai come un ingranaggio di un meccanismo di mercato dominato da piattaforme commerciali con enorme potere di controllo dell’informazione?
  • Di fronte al potere delle banche dati dell’editoria commerciale, dei social network generalisti e scientifici, dei motori di ricerca quale compito spetta all’università?
  • La scienza aperta rappresenta un baluardo dell’autonomia dell’università e della libertà accademica? 

Si proverà a rispondere a queste domande in una giornata di studio durante la quale ospiti stranieri e rappresentanti delle università italiane più impegnate nella promozione della scienza aperta si confronteranno proponendo visioni ed esperienze.

Programma

9.15 Saluti Istituzionali
9.30-11.00

Sessione I

 

Prof. Jerome H. Reichman – Duke Law University
When Copyright Law and Science Collide

Prof. Richard Gold – McGill University
Open Science in Neurodegenerative Disease Research and Innovation: The Case of the Montreal Neurological Institute

11.00 Pausa
11.30-13.00

Sessione II

 

Prof. Geoffrey Boulton – University of Edinburgh
Universities and the Challenge of Open Science

Dr. Thomas Margoni - University of Glasgow
The challenge of data ownership in open science

13.00 Pausa pranzo

14.30-16.00

Sessione III

 

Prof.ssa Maria Chiara Pievatolo – Università di Pisa
Oltre l'amministrazione: l'università e la scienza che non c'è

Dott.ssa Paola Galimberti – Università di Milano
Chi paga e chi legge in Italia? Modelli anacronistici e antidoti

Dott.ssa Elena Giglia – Università di Torino
Fra Italia ed Europa: la lunga marcia verso la Open Science

Dott.ssa Paola Gargiulo – AISA
L'implementazione degli archivi aperti della ricerca negli atenei italiani: criticità e prospettive future

16.00 Pausa
16.30-18.00

Sessione IV

 

Dott. Paolo Guarda – Università di Trento
La proposta di policy di Unitn per l’apertura dei dati della ricerca

Prof. Carlo Miniussi - Università di Trento
Think Open @ CIMeC

Dott.ssa Lucia Busatta e Dott.ssa Marta Tomasi – Università di Trento
BioLaw Journal: i vantaggi dell'open access in chiave multidisciplinare

Dott.ssa Giulia Dore – Università di Trento
Un progetto di archivio ad accesso aperto sulla storia del diritto d’autore in chiave comparata

Prof.ssa Giovanna Massari - Università di Trento
L’esperienza della rivista XY

Dott. Andrea Tigrino - Università di Trento
L’esperienza di Trento Student Law Review

Comitato scientifico

Prof. Roberto Caso, Università di Trento
Prof. Paolo Guarda, Università di Trento
Dott. ssa Giulia Dore, Università di Trento

  

Vi preghiamo di procedere se interessati alla partecipazione all'iscrizione tramite Form di adesione on line che trovate nei LINK UTILI in alto a destra.