Conclusione del XV anno di corso di dottorato in Studi Giuridici Comparati ed Europei

XXXIII ciclo

17 ottobre
Versione stampabile

Luogo: Palazzo di Giurisprudenza Via Verdi, 53 (Trento) - Sala Conferenze 
Orario: 11.30 

Programma

Presiede

  • Prof. Maurizio Manzin, Università degli Studi di Trento

Saluti

  • Prof. Gian Antonio Benacchio, Coordinatore del Corso di Dottorato in Studi Giuridici Comparati ed Europei
  • Prof. Fulvio Cortese, Preside della Facoltà di Giurisprudenza

Relazione

Prof. Bruno Montanari, già ordinario di Filosofia del diritto nelle Università di Catania e Milano "Sacro Cuore”

La figura del Giurista al tempo del "Post-Pensiero"

Ciò che viene oggi designato come "post-pensiero" non va inteso come un "non pensiero”: si tratta, piuttosto, di un approccio epistemico che, nel campo della dottrina, si risolve con la fine delle categorie giuridiche (esemplare al riguardo il contrasto tra i giuristi Lipari e Castronovo), dando prevalenza agli effetti. Si apre così (tra altri) il problema della decisione giurisdizionale "creativa" al di là dei confini ordinari della funzione giurisdizionale, e più in generale la prevalenza sulla legge (così p. es. in Grossi).

In dialogo con il prof. Montanari

  • Prof. Diego Quaglioni, Università degli Studi di Trento
  • Prof. Massimo Miglietta, Università degli Studi di Trento
  • Prof. Fulvio Cortese, Università degli Studi di Trento
  • Prof. Federico Puppo, Università degli Studi di Trento

Interventi – Replica

Coordinamento scientifico

  • Prof. Maurizio Manzin, Università degli Studi di Trento