Misure tributarie di promozione per la tutela e riqualificazione ambientale

1 marzo 2019
Versione stampabile

Dove: Palazzo di Giurisprudenza, via Rosmini 27 (Trento) - aula 1 

La centralità del fattore fiscale, la cui natura tipicamente trasversale lo rende componente fondamentale di qualunque decisione, denota un forte legame tra il regime tributario applicabile in un determinato settore ed il suo progressivo e perdurante sviluppo (economico, strategico, sociale, ecc.). In altre parole, l’interesse verso certune tematiche dipende in buona misura dai “vantaggi” fiscali conseguenti all’adozione di precisi comportamenti, volti al raggiungimento di obiettivi costituzionalmente tutelati.

Tra questi assume un ruolo prioritario l’ambiente.

In tale prospettiva, il presente incontro affonda le proprie radici nella mutata declinazione europea del noto principio “chi inquina paga”, attraverso una maggiore valorizzazione dei suoi corollari (es: “chi non inquina non paga”). 

È dunque lecito ritenere che in alcuni settori, specie quelli sottesi a beni giuridici primari come l’ambiente, siano divenuti maturi i tempi affinché la fiscalità abbandoni, o comunque riduca sensibilmente, la veste disincentivante di sanzione “impropria”. Si tratta pertanto di valorizzare o quantomeno riconoscere medesima dignità a quei comportamenti tesi a favorire chi adotta misure di salvaguardia e di tutela ambientale. Comportamenti che, specie se mirati e funzionalmente orientati, ben potrebbero coinvolgere tutti gli “operatori” presenti su un determinato territorio (Comuni, Cittadini, Aziende, Professionisti, ecc.) per la riqualificazione, il potenziamento e soprattutto il consolidamento del “verde”.

Il terreno dell’indagine si presenta, peraltro, estremamente fertile, riscontrandosi ad oggi solo sporadici e limitati interventi a livello locale (es: riduzione Tari/Tasi per i cittadini attivi che si adoperano per la tutela dell’ambiente) oltre alla possibilità per i privati di estinguere un proprio debito tributario svolgendo, a titolo di compensazione, una prestazione a salvaguardia dell’ambiente (c.d. “baratto amministrativo”). 
Tuttavia, il limitato campo applicativo delle menzionate agevolazioni e le criticità sulla loro effettiva implementazione consentono di valutare nuovi e innovativi strumenti e incentivi.

Programma

ore 9:00- 11:00  – Sessione I 

Introduce e modera:
Alessandra Magliaro, Università di Trento

  • Gli scenari europei delle politiche di tutela ambientale
    Ricardo Garcia Anton, Università di Tilburg
  • L’esperienza italiana: tutela ambientale e criteri di riparto delle spese
    Lorenzo del Federico,Università di Chieti-Pescara  
  • I costi della tutela ambientale: l’esperienza dei distretti dell’economia civile
    Enrico Fontana, Legambiente

ore 11:00 – Pausa  

ore 11:30 -13:00 – Sessione II

Introduce e modera:
Alessandra Magliaro, Università di Trento

  • Il c.d. “baratto amministrativo”
    Fulvio Cortese, Università di Trento
  • I risultati empirici dei Comuni “attivi”
    Ilaria Parrella - Simonetta Banti, Comune di Santa Maria a Monte - PI
  • L’orientamento della Corte dei Conti
    Marco Scognamiglio, Corte dei Conti

Ore 13:00  – Pausa

ore 14:30 -17:00 – Sessione III

Introduce e modera:
Lorenzo del Federico, Università di Chieti-Pescara

  • Verso il “chi non inquina non paga”
    Alessandra Magliaro, Università di Trento
  • Le misure di promozione a tutela dell’ambiente
    Caterina Verrigni, Università di Chieti-Pescara
  • Tutela ambientale e credito d’imposta
    Simone Ariatti, Università di Trento
  • Tutela ambientale e B-Corps 
    Virginia List, Latham & Watkins

Conclusioni:
Lorenzo del Federico, Università di Chieti-Pescara

Responsabili scientifici

Prof.ssa Alessandra Magliaro, Università di Trento
Dott. Simone Ariatti, Università di Trento 

 

L'evento è accreditato presso l'Ordine degli Avvocati  e dei Commercialisti di Trento che concedono rispettivamente 4 e 7 crediti formativi per l'intera giornata.

Per la partecipazione è necessaria l'iscrizione all'evento così differenziata:

Avvocati:  sistema ‘FORMASFERA’ nel sito web dell’Ordine degli Avvocati di Trento

Commercialisti: tramite il sito  http://www.odctrento.org

Altri:  compilazione dell'apposito form di adesione on line, che potete trovare in alto a destra nel box "LINK UTILI"

 

Il convegno è inserito nella Green Week, Festival della Green Economy