Il commercio online di medicinali falsificati. Dalla ricerca conoscenza e strumenti a supporto di istituzioni, farmacie e aziende farmaceutiche

Conferenza internazionale

17 - 18 dicembre 2015
Versione stampabile

Luogo: Aula Kessler, Dipartimento Sociologia e Ricerca Sociale, via Verdi 26, Trento

www.fakecare.com - Developing expertise against the online trade of fake medicines by producing and disseminating knowledge, counterstrategies and tools across the EU è un progetto europeo di ricerca applicata che ha prodotto, con metodi innovativi e interdisciplinari, conoscenza e strumenti nuovi per la prevenzione e il contrasto del commercio online illegale di farmaci falsificati. Il progetto è coordinato dal gruppo di ricerca eCrime della Facoltà di Giurisprudenza e svolto in collaborazione con AIFA, Teesside University, RiSSC, INTERPOL, IRACM e LegitScript.

La conferenza sarà l’occasione per presentare i risultati del progetto e per mettere a confronto sull’argomento esponenti delle forze dell’ordine, delle agenzie regolatorie ed esperti provenienti da tutta Europa.

Programma

17 dicembre 2015

9.30 - 10.30 Registrazione
10.30 - 11.15 Saluti dell’Ateneo e della Facoltà di Giurisprudenza Il progetto Fakecare: un’introduzione 
Andrea Di Nicola, Università di Trento, eCrime, coordinatore scientifico
Giuseppe Espa, Università di Trento, eCrime, vice-coordinatore scientifico
11.15 – 13.00

Sessione 1. Conoscenza e strumenti a supporto delle forze di polizia (Workshop 1)
Search and Stop: linee guida per contrastare il commercio online di farmaci falsificati
Alexandra Hall, Teesside University

L’operazione Pangea
Bjorn McClintock, Interpol

L’operazione Vigorali
Chris Vansteenkiste, Europol

L’esperienza dei NAS
Alessio Carparelli, Carabinieri NAS

Open source e investigazioni: un caso studio
Chris McGuire, Health Products Regulatory Authority (HPRA - Ireland)

L’operazione Farmastore 
Angelo Busacca, Procura della Repubblica di Catania
Q&A

13.00 – 14.00 Pranzo
14.00 – 16.00

Sessione 2. Conoscenza e strumenti a supporto delle farmacie
L’offerta online di medicinali falsificati: i canali di distribuzione
Elisa Martini, Università di Trento, eCrime

Direttiva 62/2011: stato di attuazione e vulnerabilità del logo europeo
Gabriele Baratto, Università di Trento, eCrime

Le nuove sfide per i farmacisti nell’Unione europea
Paolo Betti, Federfarma

Dalla ricerca al mercato: certificazione delle farmacie online a prova di criminale
Andrea Cauduro, Università di Trento, eCrime

Farmacie e comunicazione per i consumatori
Mike Isles, ASOP
    
Dibattito con interventi programmati

16.00 - 16.15 Coffee break
16.15 - 18.15 Sessione 3. Conoscenza e strumenti a supporto delle aziende farmaceutiche
ll commercio online di medicinali falsificati: rotte, distribuzione, dinamiche
Georgios Antonopoulos, Teesside University 

Hot medicines
Mara Mignone, RiSSC

Rischi e soluzioni: il punto di vista delle aziende farmaceutiche
Riccardo Raschini, SANOFI

Dalla ricerca al mercato: strumenti per le aziende farmaceutiche
Luca Vespignani, Digital Content Protection

Dibattito con interventi programmati

18 dicembre 2015

9.30 – 10.30      

Sessione 4. Conoscenza e strumenti ICT a supporto di forze di polizia e agenzie nazionali (Workshop 2)
Criminologia e ICT per contrastare il commercio online di medicinali falsificati 
Andrea Di Nicola, Università di Trento, eCrime, coordinatore scientific

Il contributo del data mining 
Walter Da Col, Università di Trento, eCrime

Dalla ricerca all’azione: FAST, identificazione e classificazione automatica delle farmacie online illegali
Vincenzo Falletta, Università di Trento, eCrime

10.30 – 10.45 Coffee break
10.45 - 13.00

Investigazioni 2.0 contro le farmacie online illegali: l’esperienza di MHRA
Naseem Hudroge and Michael Lilley, Medicines & Healthcare products Regulatory Agency (MHRA)

Fakeshare e il data-sharing
Marta Gramazio, Agenzia Italiana del Farmaco
    
Dibattito sui workshop con interventi programmati
    
Chiusura dei lavori
Andrea Di Nicola, Università di Trento, eCrime, coordinatore scientifico

13.00 – 14.00 Pranzo

La partecipazione all’evento è libera e gratuita.
Per ragioni organizzative è gradita la pre-iscrizione inviando una email con Nome e Cognome ed eventuale ente di appartenenza al seguente indirizzo: ecrime [at] unitn.it
Si informa, inoltre, che sarà presente un servizio di traduzione simultanea dall’Italiano all’inglese e viceversa.

Contatti
Coordinamento scientifico eCrime – ICT, law & criminology
email: ecrime [at] unitn.it
tel: 0461.282336