La voce nel dialogo interculturale

17 ottobre 2019
Versione stampabile

Luogo: Sala Musica e Auditorium, Dipartimento di Lettere e Filosofia, via Tommaso Gar nr. 14-Trento

Quanta importanza diamo alla voce nella vita quotidiana? Molta di più di quanto possiamo immaginare. Nella comunicazione verbale orale la modulazione della voce concorre al significato e al senso in modo decisivo. Diamo per scontato che la voce esprima stati d’animo, ma sottovalutiamo la sua capacità di comunicare qualcosa sulla storia e sulla cultura del parlante, che oltre a parlare è anche “parlato” da tutti coloro che hanno fatto parte della sua formazione in quanto individuo, in quanto membro di una o più comunità.
Nel canto, demandiamo alla voce il coefficiente massimo di caratterizzazione culturale: afferriamo al volo il tipo di vocalità (lirica, blues, folk, pop ecc.), ma la comprensione del testo intonato non rappresenta una priorità assoluta: il significato del testo di molte canzoni in lingua straniera (o in dialetto) che conosciamo da sempre ci è oscuro; e ciò non ci dà alcun disagio. È dunque possibile che, in un’epoca come quella che stiamo vivendo, la voce – non solo quella musicale – svolga una funzione importante nel dialogo interculturale, soprattutto a fronte di una lingua comune spesso appiattita a funzioni pratiche. 
Il suono delle lingue è dunque un patrimonio da valorizzare. Uno dei paradigmi di questa valorizzazione è Folk Songs di Luciano Berio (1964), serie di undici composizioni su temi popolari provenienti da diversi paesi e in diverse lingue. Al tema della Plurivocità e interculturalità nella musica di Luciano Berio sarà dedicata la conferenza di Claudia di Luzio (Universität der Künste Berlin). Seguirà una tavola rotonda alla quale interverranno l’anglista Maria Micaela Coppola, la linguista Manuela Caterina Moroni, il filosofo delle arti (e, in specifico, della musica) Pier Alberto Porceddu Cilione, oltre che la già menzionata musicologa Claudia di Luzio. 
Il pomeriggio di studio si concluderà con una lezione-concerto sui Folk Songs di Berio e due nuove opere in prima esecuzione assoluta (vedi programma); introdurranno Giorgia Scartezzini, Guido Raschieri, Marco Uvietta.

Il programma è consultabile nella locandina, nel box del Download.

Responsabile scientifico: prof. Marco Uvietta

L'iniziativa è aperta alla cittadinanza, ai docenti, dottorandi e agli studenti; in particolar modo a quelli delle lauree magistrali

Per infromazioni: ceasum.lett [at] unitn.it - eventi.lett [at] unitn.it