Martedì, 3 settembre 2019

Unicittà: Ateneo e Comune di Trento insieme per il benessere dei cittadini

Firmato dal sindaco Andreatta e dal rettore Collini il piano degli interventi 2019-2020. Obiettivo: migliorare la qualità della vita a Trento e favorire una maggiore interazione tra Ateneo e cittadinanza

Versione stampabile

Messaggio di errore

An unexpected error occurred while connecting to the Alfresco repository. Please contact the server administrator for assistance.

Da “Università nella Città” a “Università della Città”: un Ateneo integrato a pieno titolo e non percepito come un corpo estraneo o un po’ distante.

Con questo scopo si è sviluppato dal 2016 a oggi il progetto UniCittà, nato da un’intesa tra Comune e Università di Trento per avviare la discussione e la promozione di buone pratiche nel rapporto tra comunità cittadina e università.

Piccoli e grandi progetti concreti con cui i docenti e gli studenti dell’Ateneo sono stati coinvolti nella vita della città per migliorare il benessere dei suoi cittadini.

Un bilancio dei primi anni di attività è stato tracciato in Comune dal sindaco Alessandro Andreatta e dal rettore Paolo Collini che hanno poi sottoscritto il programma delle attività messe in campo per il prossimo anno 2019-2020.

Cinque le linee di intervento: sicurezza, economia e società, studenti e partecipazione, smart cities e mobilità, comunicazione. 

I nuovi progetti 2019-2020:

  • Area della sicurezza e degli aspetti giuridici
    Il progetto prevede la promozione di seminari tematici specifici sulla sicurezza urbana in cui i ricercatori e le ricercatrici dell’Ateneo saranno a confronto con i rappresentanti degli enti locali sulla percezione della sicurezza e sulla sua rappresentazione mediatica, nonché sul tema della rigenerazione urbana in relazione alla sicurezza. Sarà anche organizzato un corso di 20 ore rivolto a studenti e dipendenti comunali su «Sicurezza urbana: questioni giuridiche e criminologiche».
  • Area studenti e partecipazione
    Si comincia con il sostegno alla terza edizione del Poplar Festival, la rassegna ideata dagli studenti, capace di coniugare cultura, partecipazione sociale, aggregazione e occasione di dialogo tra università e cittadinanza. Il progetto Trento Cultural Footprint punta a valorizzare gli spazi di proprietà del Comune e dell’Università attraverso un utilizzo temporaneo e innovativo in ottica artistica-culturale, stimolando una progettualità congiunta tra cittadini e popolazione universitaria. «La Città del dibattito» vuole invece incentivare iniziative di dibattito pubblico, diffondendo e radicando questa pratica grazie ad attività di tutoring e formazione al dibattito e promuovendo come “prima palestra” di applicazione il contesto cittadino e le problematiche del territorio. Infine, in vista delle elezioni comunali 2020 previste anche azioni di promozione verso gli studenti sulla possibilità di proporsi come presidenti o scrutatore/scrutatrice di seggio elettorale.
  • Area smart cities e mobilità
    Per quanto riguarda la mobilità dal centro storico alla collina è previsto l’avvio di un dibattito con la cittadinanza con attività che verranno poi delineate. 
  • Area comunicazione
    Per dare visibilità ai progetti messi in atto per il benessere cittadino, informare e raccogliere proposte dalla cittadinanza è stato avviato e verrà portato avanti un progetto di visibilità e identità visiva. Da oggi è anche disponibile il nuovo sito dedicato: www.unicittatrento.it

Ulteriori informazioni nel comunicato stampa (PDF | 198 KB).