Mercoledì, 4 dicembre 2019

Economia circolare: dalle parole ai fatti

– o meglio dalla ricerca (in UniTrento) all’innovazione (in Trentino)

Versione stampabile

Parafrasando, se nel 2011 la trota trentina andava all’università, nel 2019 si è laureata a pieni voti.

La ricerca condotta dai professori Luca Fiori e Graziano Guella congiuntamente ad ASTRO (Associazione dei troticoltori trentini) relativamente alla valorizzazione dei sottoprodotti della lavorazione della trota si è finalmente concretizzata a livello imprenditoriale.

Un sottoprotto/rifiuto che prima non aveva valore alcuno - viscere, teste, lische di trota-  si trasformerà a breve in un prodotto ad alto valore aggiunto, un concentrato in omega-3.

Il che significa meno scarti, recupero di risorse e, come scrive il Trentino, giro di affari da 2 milioni di euro e quattro nuove assunzioni.

Un chiaro esempio di economia circolare tutto trentino: punto di partenza è stata la problematica di smaltimento di questi sottoprodotti, punto di arrivo la loro trasformazione in farine proteiche per alimentazione animale e soprattutto olio ricco in omega 3 per impiego farmaceutico.

Luca Fiori, ingegnere chimico, è professore associato in UniTrento presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica ed il C3A, Centro Agricoltura Alimenti Ambiente.
Graziano Guella, chimico, è professore ordinario in UniTrento presso il Dipartimento di Fisica.

Approfondimenti: 

Il Trentino

@ a cura dello Staff per la Comunicazione - Polo di Collina