Un momento della giornata, foto archivio Università di Trento

Vita universitaria

LAVORARE NELLA CONSULENZA

Le aziende leader della consulenza aziendale hanno incontrato studenti e neolaureati del Dipartimento di Economia e Management dell’Ateneo

27 febbraio 2015
Versione stampabile
di Lorenzo Covi
Lavora presso l’Ufficio Job Guidance dell’Università di Trento.

Il desiderio di offrire una giornata di orientamento professionale e far capire ai partecipanti cosa significhi fattivamente "Lavorare nella consulenza": queste le ambizioni che hanno portato alla genesi di "Careers in Consultancy", evento tenutosi il 13 febbraio 2015 presso il Dipartimento di Economia e Management dell’Ateneo.

La giornata, nata dalla collaborazione fra l'Ufficio Job Guidance di Ateneo e il Dipartimento, ha rappresentato una preziosa occasione di crescita per i partecipanti e un utile approfondimento riguardo a un settore professionale da sempre molto ambito dagli studenti in discipline economiche. 
Come evidenzia Umberto Martini, professore di Economia e Gestione delle Imprese e vicedirettore delegato alla Ricerca e al Placement, “l’attività di consulenza rappresenta da alcuni anni uno sbocco molto interessante per il laureato in discipline manageriali. Sempre più aziende e organizzazioni si affidano infatti al supporto delle società di consulenza per assumere decisioni rilevanti per la loro crescita, alla ricerca di indicazioni qualificate e di un supporto metodologico coerente con la complessità dei mercati attuali. La possibilità di entrare in contatto con alcune tra le più importanti società operanti nel settore è quindi un’occasione preziosa non solo per capire le dinamiche e il funzionamento delle società di consulenza, ma anche per conoscere le procedure di ingresso, verificare l’adeguatezza delle proprie competenze e la coerenza con i propri obiettivi lavorativi”. 

Sei le realtà presenti: Deloitte, Accenture, EY, BIP, KPMG e PwC. Si tratta di aziende leader nel settore della consulenza aziendale che hanno colto con entusiasmo la duplice opportunità di presentarsi agli studenti e promuovere il proprio brand illustrandone i valori principali. Una laureanda magistrale in Management, Vittoria Stoffie, l’ha definita come “un’ottima occasione per avvicinarsi al mondo del lavoro e soprattutto a queste realtà, di cui sentiamo spesso parlare, ma di cui sappiamo poco. Ci affascinano anche se allo stesso tempo le temiamo”.

Gli studenti e laureati del Dipartimento, che hanno risposto con entusiasmo, hanno potuto confrontarsi con referenti delle risorse umane e consulenti su temi come l'operatività e le applicazioni dell’approccio consulenziale, le competenze maggiormente richieste, i percorsi di carriera e le modalità di ingresso in azienda. 

L’articolazione della giornata prevedeva una ricca agenda di Company Presentation, equamente suddivise fra la sessione mattutina e quella pomeridiana. I sei seminari proposti hanno riscosso un grande interesse, facendo registrare "il tutto esaurito" già in fase di preiscrizione soprattutto fra i neolaureati e gli studenti dei corsi di laurea magistrale, particolarmente sensibili ai temi dell’occupabilità e dell’ingresso nel mercato del lavoro.
Notevole successo anche per i colloqui conoscitivi previsti in seguito agli interventi in aula: quasi cento ragazzi del Dipartimento hanno potuto avere un momento individualizzato per presentarsi alle aziende, capire le aree d'impiego di maggiore interesse ed avere un contatto diretto e puntuale con i selezionatori. Federica Ruatti, laureanda magistrale in Innovation Management, commenta così: “Ho avuto modo di conoscere varie realtà attraverso il contatto diretto con persone che ne fanno parte. Inoltre, i responsabili HR [ndr: Human Resources, Risorse Umane] sono stati molto interessati a conoscere lo studente e molto disponibili a rispondere alle varie domande.”
Confronto dunque, ma anche un modo per vincere le proprie titubanze e guardare ottimisticamente al futuro, come ci ricorda Riccardo Paolo Governale, laureato in Management: “Partecipare al Careers In Consultancy ha ulteriormente accresciuto in me la consapevolezza che anche dietro i grandi brand ci sono ragazzi come tutti noi, che hanno condiviso a loro tempo le nostre paure e le nostre speranze. Un buon incoraggiamento a crederci sempre più.”

Una giornata molto proficua, particolarmente ricca anche per le aziende, che hanno apprezzato soprattutto la varietà dei profili formativi dei partecipanti, la loro poliedricità e la voglia di mettersi in gioco.