SEMPER 2020-2021

Poesia, patrie, mondo

13 ottobre 2020 - 25 maggio 2021
Versione stampabile

Modalità
Gli appuntamenti saranno trasmessi online su piattaforma telematica (Youtube - Zoom)

Prossimo evento

30 ottobre 2020 (su piattaforma Zoom: link a breve)

  • Lorenzo Mari
    Lessico e nuvole. Traduzione di poesia latinoamericana, da César Vallejo a Raúl Zurita

Descrizione

Nella poesia moderna il tema della patria ha fondamentali implicazioni non soltanto di natura estetica ma anche politica, metafisica e in definitiva religiosa. Un punto di partenza problematico può essere la concezione, sviluppata da Heidegger a partire da Hölderlin e da Rilke, del linguaggio come “casa dell’essere” e della poesia, del “canto” come espressione suprema del dire e perciò dell’essere. Il linguaggio è il recinto (templum), cioè la casa dell’essere. L’essenza del linguaggio non si esaurisce nel significare, né è qualcosa di connesso esclusivamente a segni e cifre.  Questa “casa”, questa “patria” è però percepita nella modernità come qualcosa di perduto da sempre e che deve essere ricercato e ritrovato, in un perpetuo “andare” che è costitutivo del destino umano. Ecco allora che il tema estetico-metafisico della patria si interseca con quelli, altrettanto presenti nella poesia a partire dal romanticismo, dell’esilio, dello straniero, del viandante e della Wanderung. È la tematica che si dispiega nelle evocazioni della Heimat o della Vaterland in Hölderlin, nella concezione della terra “che consente l’abitare” come Abendland in Trakl fino alla impressionante definizione della poesia in Celan come il più vasto degli imperi «al di là / della zona delle genti mute, in te / bilancia del linguaggio, bilancia della parola, / bilancia della patria, esilio». Una analoga centralità del concetto di patria – in stretta connessione, occorre sottolinearlo, con posizioni politiche – è presente nel grande mito del Quinto Impero sviluppato nel poema Mensagem e in molti altri scritti da Fernando Pessoa. Un concetto che si articola e si analizza nella riflessione teorica e nella produzione metapoetica di autori del Novecento spagnolo, da Antonio Machado a José Ángel Valente, e in particolare nel Juan Ramón Jiménez di Espacio, ma, in definitiva, in molta della migliore poesia europea del Novecento. Anche nell’ambito della poesia “patriottica” italiana sono chiaramente leggibili implicazioni teoretiche che vanno al di là dei puri e semplici motivi politici o civili: per esempio nella contrapposizione formulata da Leopardi nella canzone All’Italia delle «venturose e care e benedette» età antiche alla miseria e alla decadenza dell’età presente. Questa profonda e drammatica riflessione sulla patria, che attraversa la poesia moderna e contemporanea, nasce evidentemente dalla crisi sempre più radicale della società e del mondo teocentrico. Ai nostri giorni, nel pieno di un processo di mondializzazione o globalizzazione che sta diffondendo un senso di smarrimento ideologico finora impensabile, lo studio e la meditazione di questa riflessione sulla patria in quella che può essere definita a giusto titolo una denkende Dichtung appaiono quanto mai attuali e urgenti.

Programma (in definizione)

I Semestre (autunno 2020)

13 ottobre 2020 (in streaming Youtube: link)

  • Massimo Bacigalupo (con LETRA)
    introduce la prof.ssa Giovanna Covi
    Coscienza e natura: Anne Brontë e Louise Glück

30 ottobre 2020 (su piattaforma Zoom: link a breve)

  • Lorenzo Mari
    Lessico e nuvole. Traduzione di poesia latinoamericana, da César Vallejo a Raúl Zurita  

3 novembre 2020 (su piattaforma Zoom: link a breve)

  • José Manuel Lucía Megías
    introducono il prof. Pietro Taravacci e la prof.ssa Claudia Dematté
    “El único silencio” de José Manuel Lucía Megías: 25 años de poesía al desnudo

2 dicembre 2020 (su piattaforma Zoom: link a breve)

  • Pietro Taravacci e Francesco Zambon
    Idioma: patria e dimora del poeta. Da Machado a Zanzotto

15 dicembre 2020 (su piattaforma Zoom: link a breve)

  • Carlo Tirinanzi De Medici
    Tra patria e dispatrio: la poesia ospitale

II Semestre (primavera 2021)

Il calendario degli eventi del II Semestre verrà pubblicato quanto prima

Comitato direttivo

Andrea Comboni, Giovanna Covi, Francesca Di Blasio, Massimo Rizzante, Paolo Tamassia, Pietro Taravacci, Carlo Tirinanzi De Medici, Francesco Zambon

Email: ceasum.lett [at] unitn.it - Tel: 0461-281788
Informazioni: stefano.pradel [at] unitn.it (dott. Stefano Pradel)

Immagine: Carlo Tirinanzi De Medici