Notte dei ricercatori 2017. Foto di Romano Magrone, archivio Università di Trento.

Eventi

IL FASCINO DELLA NOTTE DEI RICERCATORI

Per scoprire la scienza a tutte le età. Venerdì 28 settembre a partire dalle 17.00

26 settembre 2018
Versione stampabile
di Paola Fusi
Responsabile della Divisione Comunicazione ed Eventi dell’Università di Trento.

L’appuntamento è ormai un classico e quest’anno è giunto alla nona edizione. La Notte dei Ricercatori è un evento affascinante per tutte le età: molto frequentata dagli studenti universitari e dalle famiglie, è l’occasione per entrare in contatto con il mondo della ricerca e con i ricercatori e le ricercatrici in modo informale, spesso divertente.  Anche quest’anno a Trento la Notte dei Ricercatori è organizzata dall’Università di Trento, dalla Fondazione Edmund Mach, dalla Fondazione Bruno Kessler e dal MUSE, con la collaborazione della Provincia autonoma di Trento e il patrocinio del Comune di Trento.

L’evento si svolgerà al MUSE, con alcune iniziative portate negli spazi del quartiere Le Albere che alcuni negozianti e realtà hanno gentilmente messo a disposizione. Il programma è molto ricco: oltre 50 gli stand dedicati a dimostrazioni ed esperimenti (“demo e hands on”), 20 i caffè scientifici (“Incontra la ricerca”), 10 le cene con i ricercatori (“A cena con la ricerca”), e poi una “Caccia alla scienza” dedicata ai bambini da 6 a 12 anni. In questa edizione si aggiunge una nuova iniziativa quella dei “libri viventi”, un simpatico format in cui si potrà ascoltare le storie della ricerca direttamente dalla voce di chi le sta vivendo.

Molti i temi affrontati: tra gli stand si potrà ad esempio vedere il simulatore che muove le folle, oppure osservare i meccanismi che agiscono sui ponti usando modelli di polistirolo, o ancora scoprire la vita dei batteri giocando. Nelle cene con la ricerca si parlerà ad esempio di come nascono le nuove idee e di come si coltiva la creatività, o di come possono essere usati gli ultrasuoni per scoprire patologie polmonari. Insomma, si capisce che ce n’è per tutti i gusti e per tutti gli interessi, sono infatti circa 300 i ricercatori coinvolti. Una particolarità di questa edizione riguarda la comunicazione: gli organizzatori hanno scelto di adottare la simbologia dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile contenuti nell’Agenda 2030 dell’Onu per aiutare i partecipanti ad orientarsi fra le innumerevoli proposte, pertanto ogni iniziativa sarà associata ad uno o più di questi obiettivi. È questo anche un messaggio di sensibilizzazione verso lo sviluppo sostenibile e i grandi problemi del pianeta che è bene tenere presente anche nel piccolo della vita di tutti i giorni di ognuno di noi: sconfiggere la povertà, sconfiggere la fame, salute e benessere, parità di genere, lavoro dignitoso, crescita economica, solo per citarne alcuni.

Ospite d’onore di questa edizione sarà Grammenos Mastrojeni, che da oltre vent’anni si occupa di cambiamenti climatici del pianeta e delle loro ripercussioni sulla stabilità sociale del mondo. Mastrojeni è Coordinatore per l’Ambiente e Capo della Science-policy interface della Cooperazione allo sviluppo e in questa occasione terrà un intervento sul tema “La matrice di Gaia. Scienza, interdipendenza, e la sfida dello sviluppo sostenibile” (ore 22.00, terrazza del MUSE). Inviando un sms al numero 3270470330 sarà possibile fare delle domande e le più interessanti e originali saranno poste al relatore durante il suo intervento. La serata sarà chiusa a ritmo di rock con la musica della “B-Ing Band” il gruppo formato da ricercatori e personale tecnico e amministrativo dell’Università di Trento che eseguirà brani rock anni ‘60 e ’70, e pop recente.

Tutte le attività sono gratuite ad eccezione delle cene con la ricerca, per le quali il costo è di 15 euro ed è necessaria la prenotazione. Ai partecipanti sarà dato un questionario, che consentirà di esprimere il proprio livello di soddisfazione verso l’evento e che conterrà anche alcune domande sul valore della ricerca scientifica in generale.  La Notte sta per arrivare. Il programma completo è disponibile online.